sabato 25 marzo 2017

A Belfast la Norvegia si affida a Lars Lagerbäck per riprendere a correre verso i Mondiali



È troppo ottimistico se non utopico pensare che possa bastare il cambio di commissario tecnico per ridare ossigeno a un movimento calcistico asfittico e ferito come quello norvegese. Eppure, spesso le federazioni altro strumento, almeno a breve termine, per cercare di risollevare le proprie sorti nei momenti di difficoltà non hanno se non affidare la panchina della nazionale a una persona che possa riportare in squadra la capacità di imporre gioco e portare a casa vittorie. Sperando che ce la faccia. Come al solito, poi, è il campo a dire chi ha fatto bene e chi ha fatto male, chi ha ragione e chi ha torto. Prima di allora, i discorsi stanno grossomodo a zero. D’altra parte, a livello di sensazione generale, sembra di poter dire che la Federazione norvegese, congedato un Per-Mathias Høgmo ormai incapace di riportare la nazionale sulla retta via, non abbia sbagliato a ingaggiare lo svedese Lars Lagerbäck, il protagonista dell’epopea islandese agli Europei in Francia. L’entusiasmo, in squadra e al di fuori di essa, pare essere tornato. Poi magari non basterà per invertire la rotta rispetto agli ultimi fiaschi, ma come base non sembra male. L’entusiasmo non risolve i problemi, ma senza è difficile combinare qualcosa di buono.

Il nuovo ct della Norvegia, Lars Lagerbäck, si presenta alla conferenza stampa alla vigilia della sfida in Irlanda del Nord (foto NTB Scanpix da fotball.no)
 

lunedì 13 marzo 2017

A quattr’occhi con Henri Toivomäki, difensore finlandese del Sarpsborg 08



In questi giorni ci siamo messi in contatto con Henri Toivomäki, difensore finlandese classe ’91 in forza al Sarpsborg 08, il quale ci ha gentilmente concesso un’intervista. La chiacchierata che state per leggere è stata possibile grazie al blogger Sebastiano Trovato, che è amico di Henri dopo averlo conosciuto nel periodo in cui il giocatore finlandese ha militato nell’Atalanta. Dopo quell’esperienza italiana, nella quale ha giocato il torneo di Viareggio, il giocatore finlandese non è stato confermato dalla società bergamasca ed è tornato in patria: prima di finire l’anno scorso al Sarpsborg 08, ha giocato in Olanda, all’Ajax e all’Almere. Ecco l’intervista che gli abbiamo fatto.

Henri Toivomäki (foto da youtube)

mercoledì 8 marzo 2017

Rosenborg, eccoti l’attaccante: arriva Bentdner!



Ricorderete il pesce d’aprile dell’anno scorso allorché il Vålerenga annunciò spiritosamente ai propri tifosi di aver ingaggiato addirittura Nicklas Bendtner. Ebbene, a posteriori possiamo dire che quella che era nata come una burla fu una sorta di anticipazione del futuro del ventinovenne danese che, dopo tanti trascorsi nei massimi campionati europei, ha deciso di giocare in Norvegia. Non a Oslo, però, bensì un po’ più a nord, a Trondheim: il “lord” ha firmato ieri un contratto con il Rosenborg che lo lega ai bianconeri per ben tre anni.



mercoledì 1 marzo 2017

ESCLUSIVA - A quattr’occhi con Malaury Martin, 4° parte: l’esperienza di vita in Norvegia


Concludiamo con questa quarta parte l’intervista esclusiva con Malaury Martin: come di consueto nei nostri incontri, parliamo con Martin anche della sua parentesi di vita in Norvegia, della quale conserva quei ricordi indelebili ma anche quelle difficoltà di adattamento che francesi o italiani spesso incontrano quando migrano così a nord (qua trovate la prima parte di questa intervista, qua la seconda, qua la terza).

Uno scorcio di Oslo vista dal mare (foto di Eleonora Masi)

lunedì 27 febbraio 2017

ESCLUSIVA - A quattr’occhi con Malaury Martin, 3° parte: il mercato passando per Scozia, Nizza e Ligue 1


Nella terza parte dell’intervista esclusiva a Malaury Martin parliamo di calcio tout-court: dopo alcuni retroscena di mercato che avrebbero potuto condurlo nel bel paese, il centrocampista degli Hearts ci spiega le differenze tra calcio scozzese e norvegese e ci dà un parere sull’annata di Ligue 1 del suo Nizza (qua trovate la prima parte di questa nostra intervista, qua la seconda).

Durante la presentazione nel Tyneside Stadium di Edimburgo.

venerdì 24 febbraio 2017

ESCLUSIVA - A quattr’occhi con Malaury Martin, 2° parte: da Lillestrøm a Edimburgo


Continuiamo il nostro particolarissimo viaggio alla scoperta di Malaury Martin, ex nazionale francese e Lillestrøm che abbiamo intervistato in esclusiva per Calcio Norvegese Blog. Adesso che è nei ranghi degli Hearts of Midlothan FC, squadra di Edimburgo, non ha per questo dimenticato lo scoppiettante finale di stagione vissuto l’anno scorso in Norvegia, che lo ha portato prima alla salvezza del suo Lillestrøm e poi all’approdo al Tyneside Stadium: ce ne parla in questa seconda parte della nostra intervista (la prima parte la trovate qui).

Martin con la maglia del Lillestrøm (foto da abcnyheter.no)


mercoledì 22 febbraio 2017

ESCLUSIVA - A quattr’occhi con Malaury Martin, 1° parte: la mia carriera


Mancano ancora tante settimane prima dell’inizio della nuova stagione di Eliteserien (la ex Tippeligaen) ed è per questo che, mentre ci prudono le mani nell’attesa, abbiamo deciso di regalarvi un’intervista esclusiva con uno dei massimi protagonisti della scorsa stagione, che con ben 7 gol e 6 assist è entrato nella nostra Top 11 del girone di ritorno. Parliamo di Malaury Martin, ex centrocampista del Lillestrøm ora agli scozzesi degli Hearts, il quale ha deciso gentilmente di concederci quest’intervista per raccontarci le sue sensazioni sul calcio norvegese, su cosa lo ha portato ad approdare in Tippeligaen e su come il suo Lillestrøm si sia salvato grazie ad un’incredibile serie di risultati utili nelle ultime giornate. Abbiamo parlato con lui anche di calcio in generale, visto che ha militato anche in Ligue 1 e Premier League.


Martin con la maglia della Francia (immagine da goal.com)

mercoledì 1 febbraio 2017

Lo svedese Lars Lagerbäck, l'artefice del miracolo islandese, è il nuovo ct della Norvegia



A due mesi e mezzo dal divorzio da Per-Mathias Høgmo, la Federcalcio norvegese scioglie le riserve e annuncia il nuovo commissario tecnico della nazionale: si tratta del sessantottenne svedese Lars Lagerbäck, che quest’estate è balzato agli onori delle cronache calcistiche mondiali in virtù dell’exploit ottenuto alla guida dell’Islanda allorquando, agli Europei in Francia, è arrivato addirittura ai quarti di finali – dopo aver eliminato addirittura l’Inghilterra – fermandosi soltanto al cospetto dei padroni di casa.

La Federcalcio Norvegese su Twitter annuncia così l'ingaggio del nuovo ct.

venerdì 30 dicembre 2016

Dieci cose da ricordare del 2016 del calcio norvegese



La stagione calcistica, che in Norvegia coincide per motivi ambientali con l’anno solare, è ormai finita, i campi outdoor riposano sotto i teloni – e spesso anche sotto qualche metro di neve – mentre le temperature si abbassano, le ore di luce solare si riducono drammaticamente e le notti del nord sono infiammate dai meravigliosi festoni fluttuanti delle aurore boreali. È tempo per tutti di infagottarsi sotto caldi piumoni, sorseggiare qualcosa di caldo mentre ai vetri della finestre bussa una leggera nevicata, e concedersi un po’ di riposo: anche noi di Calcio Norvegese Blog siamo pronti alle vacanze. Prima di congedarci per un po’ dal nostro lavoro e da voi affezionati lettori, chiudiamo l’anno con un bilancio globale del 2016 del calcio norvegese, con le dieci cose da ricordare di questa intensa stagione sportiva.

A Bergen è tutto pronto per un inverno spettacolare: modi per ingannare l’attesa prima della nuova stagione calcistica ce ne sono... (Foto Bergen Reiselivslag/Espen Haagensen da visitBergen.com)

venerdì 16 dicembre 2016

Tippeligaen 2016: la TOP 11 del girone di ritorno



Il campionato norvegese ha abbondantemente spento i suoi fari dopo lo spareggio tra Stabæk e Jerv, con la vittoria dei vincitori della Tippeligaen 2007 che solo nei minuti finali del ritorno hanno evitato la clamorosa onta della retrocessione. Ma per noi di calcio norvegese non finisce qui, perché, dopo un anno vissuto e sentito come lo è stato il 2016, abbiamo deciso, come già al termine del girone di andata, di proporre una TOP 11 di questa seconda parte di stagione. La squadra che abbiamo eletto come quella dei migliori prospetti del girone di ritorno ha subito molte modifiche, soprattutto a causa del cambio di casacca di tanti che a inizio anno avevano fatto vedere grandi cose, da Fred Friday a Milan Jevtovic passando per Mohamed Elyounoussi, trasferitisi a metà stagione in campionati europei più importanti di quello norvegese.



mercoledì 7 dicembre 2016

Spareggio Tippeligaen 2016: lo Stabæk si salva all’ultimo tuffo, è beffa-bis per lo Jerv

Il calcio norvegese è bello perché sa regalare emozioni fino alla fine e perché non esiste un risultato già scritto da qualche parte. A Bekkestua, al Nadderud Stadion, nello spareggio di ritorno per la partecipazione alla prossima Tippeligaen tra i padroni di casa dello Stabæk e lo Jerv, abbiamo vissuto le più disparate emozioni, il sogno che diventa immensa tristezza per lo Jerv, convinto fino all’ultimo di poter far valere la vittoria per 1-0 all’andata, l’angoscia che diventa gioia per lo Stabæk, che ribalta solo nei dieci minuti finali il ko dell’andata con una doppietta di Ohi Anthony Omoijuanfo e salva una categoria dalla quale sembrava allontanarsi sempre di più. 

Birger Meling dello Stabæk portato in trionfo dai propri tifosi dopo la vittoria sullo Jerv nello spareggio per la Tippeligaen (foto Kristian Bjerke/Stabæk media da www.stabak.no)

giovedì 1 dicembre 2016

Spareggio Tippeligaen 2016, andata: zitto zitto lo Jerv vince ancora e spaventa lo Stabæk!

Dopo un anno di gol ed emozioni, il calcio norvegese vive le ultime battute prima dell’arrivo del “generale inverno” che per qualche mese renderà quasi impossibile fare rotolare un pallone senza un tetto sulla testa. Prima del “letargo”, però, l’ultimo verdetto da decidere non è da poco, ossia stabilire quale sarà l’ultima squadra a iscriversi alla prossima Tippeligaen (che probabilmente cambierà nome, ma la sostanza non cambia). A contendersi l’ultima poltrona rimasta libera sono la vincitrice dei playoff di OBOS-ligean, lo Jerv, e la terzultima di Tippeligaen (ossia l’ultima delle non retrocesse), lo Stabæk. Potrebbe finire quindi con una salita e una discesa, cioè uno scambio di ruoli tra Jerv e Stabæk che si cederanno il posto nel campionato in cui hanno militato quest’anno, oppure le due compagini resteranno nei rispettivi campionati, con lo Jerv che in questo caso perderebbe la Tippeligaen all’ultimo soffio, proprio come avvenuto lo scorso anno contro lo Start. Come andrà lo sapremo però soltanto domenica sera, quando si sarà giocato il ritorno di questa sfida: l’andata, disputata ieri, infatti non ha emesso sentenze definitive, lasciando aperta ogni possibilità.

Michael Ogungbaro, match-winner della partita, riceve i complimenti per l’ottima partita e il gol (foto NTB Scanpix da www.aftenposten.no)

sabato 26 novembre 2016

OBOS-ligaen 2016, finale playoff: lo Jerv batte il Kongsvinger e sfiderà lo Stabæk negli spareggi!


Sarà Jerv-Stabæk lo spareggio promozione/retrocessione di questa Tippeligaen 2016. Nell’atto conclusivo della OBOS-ligaen, ovvero la finale playoff, che è andata in scena quest’oggi a mezzogiorno al Levermyr Stadion di Grimstad, i padroni di casa dello Jerv hanno approfittato del fattore casa e della stanchezza degli avversari del Kongsvinger (reduci da una partita di capitale importanza come la finale di Coppa di Norvegia) per fare male in ripartenza e vincere una sfida di capitale importanza.

I saluti a fine gara (foto Tor-Erik Schrøder/NTB Scanpix da www.dagsavisen.no)

martedì 22 novembre 2016

Coppa di Norvegia 2016: un Rosenborg cannibale travolge il Kongsvinger (tripletta di Pål André Helland). E fa festa pure l’Haugesund di Loberto...



Nessuno scampo contro un Rosenborg così: il pur volenteroso e organizzato Kongsvinger, squadra sì di “serie B” ma non di certo improvvisata (non vuol dire molto, ma nelle formazioni iniziali la squadra con più stranieri era proprio il Kongsvinger, quattro contro tre, a dimostrazione di come la squadra sia stata costruita con un mercato ambizioso), nonché prossima finalista dei playoff di OBOS-ligaen, regge un tempo prima di crollare nella ripresa sotto i colpi dei campioni di Norvegia, trascinati da un irrefrenabile Pål André Helland al “Double Double”, il secondo Double (campionato più coppa) consecutivo.

La premiazione del Rosenborg (foto Digitalsport da www.rbk.no)

domenica 20 novembre 2016

Notizia flash: il Rosenborg vince la Coppa di Norvegia 2016



Con una sontuosa affermazione per 4-0 sul malcapitato Kongsvinger (tripletta Pål André Helland, in dubbio fino all’ultimo ma decisivo come non mai) il Rosenborg vince a Oslo la finale della Coppa di Norvegia 2016 e si porta a casa il trofeo, bissando il “Double” dell’anno scorso.

La festa dei giocatori del Rosenborg a fine partita (screenshot da www.nrk.no)