lunedì 24 dicembre 2018

Riepilogo di fine anno: tutti i verdetti della stagione 2018


Freddo, neve, buio e aurore boreali: come ogni anno – anche se magari con più ritardo del solito – il rigido inverno artico sta avvolgendo la Norvegia in una morsa che per qualche mese renderà impossibile giocare a calcio, almeno all’aperto. Non che non sia una stagione affascinante, come in Norvegia lo sono tutte: al di là degli inevitabili disagi che il freddo comporta, disagi che l’efficiente organizzazione norvegese riesce solitamente a limitare in modo comunque piuttosto deciso, è forse questa la stagione più magica per vivere più da vicino e più autenticamente questo incredibile paese. Per quel che riguarda il nostro principale argomento di interesse, il calcio, sebbene noi siamo appassionati di un po’ tutto ciò che riguarda la Norvegia anche al di là del rettangolo di gioco, per tornare a parlarne bisognerà aspettare però che il generale inverno levi le sue armate, consenta alle temperature di rialzarsi un pochettino, al ghiaccio di iniziare a sciogliersi e ai campi di essere nuovamente praticabili. Ci aspetta infatti un 2019 intenso. In attesa di tutto questo, prima di congedarci da voi per un po’, non ci resta però che tirare le somme della stagione appena andata in archivio. Sulla nostra pagina facebook avete avuto aggiornamenti costanti, ma vale la pena fare lo stesso un bel riepilogo.

Aurora boreale a Tromsø (foto Gabriel Arne Hofstra dalla pagina facebook Tromsolove)

domenica 25 novembre 2018

Eliteserien 2018, giornate 27°-30°: il Rosenborg sconfigge il Brann e vince il titolo! Il Molde chiude bene; Start e Sandefjord retrocessi, spareggio salvezza per lo Stabæk


Come sa chi ha seguito “dal vivo” gli eventi delle ultime settimane (magari sulla nostra pagina Facebook che ha fornito aggiornamenti in tempo “quasi reale”), alla fine il Rosenborg ce l’ha fatta e ha conquistato l’Eliteserien 2018, aggiornando per l’ennesima volta un palmarès sempre più incredibile – siamo al 26° scudetto, il quarto consecutivo. Eppure, questa vittoria, che fino a metà campionato sembrava davvero difficile da ottenere (il Brann, che è stato “campione d’estate” alla fine del girone d’andata, ancora alla 14° giornata aveva sette punti di vantaggio sui bianconeri), non è stata per niente facile. Solo alla 27° giornata, infatti, il Rosenborg ha avuto la meglio su un Brann che, dopo un avvio di stagione fulminante (34 punti nel girone di andata) e un girone di ritorno in evidente calo (24 punti), ha avuto il merito di restare in scia quasi fino alla fine.

Festa pirotecnica per il Rosenborg nella cerimonia di premiazione dell’Eliteserien 2018 (foto da www.rbk.no)

giovedì 25 ottobre 2018

Eliteserien 2018, giornate 24°-26°: all’improvviso il Rosenborg non sa più vincere, e il Brann è a meno due alla vigilia dello scontro diretto


Non è stata una stagione fenomenale, quella del Rosenborg, lo ricordiamo: ricordiamo l’avvio stentato, la fuga del Brann, la sensazione che potesse essere una di quelle annate in cui va tutto storto. Poi le cose si sono riaggiustate, anche col cambio di allenatore, la squadra ha iniziato a macinare gioco e risultati, è tornata in vetta alla classifica, si è qualificata ai gironi di Europa League e su Trondheim la serenità dei forti è tornata ad aleggiare indisturbata. Al termine della 23° giornata, i quattro punti di margine sul Brann sembravano il preludio a un finale di stagione senza grossi problemi.

Nicklas Bendtner (a destra) e Mike Jensen del Rosenborg (foto Kim Nygård da www.aftenposten.no)

domenica 21 ottobre 2018

A quattr’occhi con Patrick Mortensen, attaccante del Sarpsborg 08: “Giocare a Istanbul è stato un sogno, ma qui nessuno dimentica da dove veniamo!”

È sicuramente l’uomo del momento in Norvegia, se non una divinità dalle parti di Sarpsborg, cittadina di 50.000 abitanti nella Contea di Ostfold nella cui squadra, il Sarpsborg 08, oggi qualificata ai gironi di Europa League, lui milita: parliamo di Patrick Mortensen, ventinovenne attaccante danese che con il gol di Rijeka ha portato una piccola realtà del calcio norvegese ai piani alti del calcio continentale. E ha continuato a farla sognare con la doppietta nel 3-1 casalingo contro il Genk, la prima vittoria della fase a gironi dopo due partite. Noi ci siamo messi in contatto con lui, che ci ha gentilmente concesso un’ampia intervista: oltre alle emozioni provate, abbiamo chiesto a Patrick cosa si celi dietro la scalata di una piccola città operaia così vicina (73 km) ma così distante per usi e costumi dalla capitale Oslo. Lui si è dilungato nel raccontarci il contesto e le strategie societarie oltre a raccontarci la sua storia da calciatore.

L'anno di Patrick Mortensen al momento: 24 presenze e 9 gol in campionato, 10 presenze e 6 gol in Europa League tra playoffs e fase a gironi. In totale 15 gol, superando qualsiasi record precedente. Fonte foto: nettavisen.no

martedì 25 settembre 2018

Eliteserien 2018, giornate 18°-23°: il Rosenborg fa sedici punti in sei partite e vola in vetta a più quattro sul Brann


Pareggio casalingo con lo Stabæk e poi filotto aperto di cinque vittorie consecutive (0-2 a Kristiansund, 4-3 con lo Strømsgodset, 1-0 con l’Haugesund, 2-3 a Oslo col Vålerenga e 3-1 col Sarpsborg 08): il risveglio del gigante ferito Rosenborg nell’ultimo mese di campionato è stato feroce e inarrestabile, tanto da travolgere quasi tutto quello che si trovasse sul suo cammino.

Alexander Søderlund del Rosenborg a segno contro il Sarpsborg 08 dopo un digiuno fatto di 717 minuti senza segnare gol! (Foto Kim Nygård da www.aftenposten.no)

giovedì 20 settembre 2018

Europa League 2018/19: Rosenborg e la sorpresa Sarpsborg 08 pronte a iniziare la fase a gironi


Come sa chi ha seguito i nostri post sulla pagina Facebook del blog – che da quest’anno è il canale che usiamo per le notizie flash, mentre il sito rimane attivo per aggiornamenti di carattere più generali – il bilancio delle squadre norvegesi nelle coppe europee e tutt’altro che drammatico. Anzi, ci è mancato poco che arrivassimo a portare ben tre team nella fase a gironi... Ma andiamo con ordine.

Rini Coolen, allenatore olandese del Rosenborg, cammina per le vie di Glasgow nella vigilia della sfida contro il Celtic (foto Richard Sagen da www.aftenposten.no)

giovedì 6 settembre 2018

Uefa Nations League 2018: si inizia stasera con Norvegia-Cipro


Comincia stasera alle 20:45 a Oslo il cammino della Norvegia nella neonata Nations League, la nuova competizione per nazionali ideata dall’Uefa per dare un po’ più di pepe alle “finestre” che in passato erano solitamente dedicate alle poco attraenti amichevoli.

Lars Lagerbäck, ct della Norvegia, istruisce i suoi giocatori durante l’allenamento della vigilia della partita contro Cipro (foto Berit Roald/NTB Scanpix da www.aftenposten.no)

martedì 28 agosto 2018

A quattr’occhi con Ohi Omoijuanfo: “In Italia mi cercarono la scorsa estate, ma non si concretizzò nulla. Sono rimasto per confermarmi!”


Ci siamo messi in contatto con il bomber dello Stabæk Anthony Ohi Omoijuanfo, uno dei talenti più cristallini di Eliteserien che ha esordito in nazionale lo scorso anno (13 Giugno 2017, Norvegia-Svezia 1-1): spesso paragonato a John Carew per stazza e fiuto del gol, Ohi con grandissima disponibilità ha fatto una chiacchierata ad ampio spettro con noi durante la quale ci ha confermato anche che ben tre squadre di Serie A lo avevano cercato la scorsa estate ma che poi, con suo grande dispiacere, non se ne è fatto di nulla. Omoijuanfo ci ha parlato anche della Norvegia come paese tout-court e, essendo lui di origini nigeriane, ci ha detto la sua anche sulla situazione degli immigrati in quel paese.



Omoijuanfo in azione contro il Lillestrøm (foto FootballKanalen.com)

giovedì 9 agosto 2018

Eliteserien 2018, 17° giornata: continua il duello tra Brann e Rosenborg, che vincono, rallenta il Molde


Nessun problema per il Brann che, al rientro dalle vacanze, passate in totale relax a causa della mancata partecipazione alle Coppe Europee, si trova di fronte una delle squadre più deboli dell’Eliteserien, lo Start penultimo. A Bergen finisce 4-1, con la situazione sempre sotto il controllo della capolista.

Un momento di Brann-Start (da www.brann.no)

giovedì 26 luglio 2018

Champions League 2018/19, andata 2° turno di qualificazione: Il Celtic esce alla lunga, Rosenborg sconfitto 3-1


Il Rosenborg esce dal Celtic Park sconfitto per 3-1, un risultato che sarebbe da valutare alquanto deludente se non conoscessimo le vicissitudini di casa Rosenborg dell’ultima settimana, dove coach Kåre Ingebrigtsen ha fatto le valigie e al suo posto è arrivato il “formatore” olandese Rine Coolen, ex coach della nazionale di Aruba del quale si conosce molto poco. Abbiamo provato a metterci in contatto con alcuni dei suoi ex giocatori in Australia, non ricevendo però alcuna risposta.


Edouard festeggia il gol. Foto Reuters da www.aftenposten.no

martedì 10 luglio 2018

Eliteserien 2018, giornate 13°-16°: il diciassettenne Erling Braut Håland del Molde ne segna quattro al Brann (!) e il Rosenborg torna a farsi sotto (a meno due). I rossi di Bergen sono fuori anche dalla Coppa


Da un punto di vista strettamente commerciale, la scelta di non fermare il campionato norvegese durante i Mondiali, diciamocelo con sincerità, non è il massimo: in questo periodo un po’ tutti gli appassionati di calcio, e non solo, sono calamitati da quanto succede in Russia, e anche noi, nonostante alla competizione finale la Norvegia non abbia partecipato (e neanche l’Italia, a dirla tutta), così come probabilmente buona parte del pubblico norvegese, abbiamo seguito con interesse gli incontri della manifestazione organizzata dalla Fifa. Meglio sarebbe stato, probabilmente, fare come nelle passate edizioni: prendersi una bella pausa durante i Mondiali, lasciare che l’interesse che essi attraggono non oscurasse quello per l’Eliteserien, e riprendere una volta che la nazionale campione del mondo ha sollevato la Coppa. Invece così non è stato: il campionato norvegese, anche se nel mondo non se n’è accorto quasi nessuno (cioè, meno persone del solito) è andato avanti.

Erling Braut Håland del Molde segna uno dei suoi quattro gol al Brann (foto Marius Simensen/BILDBYRÅN NORWAY)

martedì 29 maggio 2018

Eliteserien 2018, giornate 10°-12°: il Brann batte in trasferta il Rosenborg e rafforza la propria leadership


Tra il Brann e l’Eliteserien 2018 non c’è un banale colpo di fulmine, una storiella estiva destinata a spegnersi al primo esaurirsi della passione: perbacco, questo sembra proprio amore vero! Eppure, nelle tre giornate trascorse dall’ultima volta che ci siamo sentiti, le prime due non sono state particolarmente esaltanti per i rossi di Bergen.

Un’immagine di Rosenborg-Brann: Birger Meling casca inseguito da Gilbert Koomson in uno scontro di gioco (foto NTB Scanpix da www.aftenposten.no)

mercoledì 16 maggio 2018

Coppa di Norvegia 2018, 3° turno: l’HamKam elimina il Sarpsborg 08, fuori anche Kristiansund e Stabæk


È il Sarpsborg 08 la vittima più illustre del terzo turno della Coppa di Norvegia 2018. Il team di Geir Bakke, finalista dell’edizione 2017, cade sul campo dell’HamKam, una delle nobili decadute del calcio norvegese: vincitrice del campionato del 1970, la squadra di Hamar, città di trentamila abitanti sulle sponde del più grande lago norvegese, il Mjøsa, ha militato per l’ultima volta in Tippeligaen nel 2008. Da allora sono state più delusioni che gioie, con una sconfortante altalena tra “serie B” e “serie C”, con l’ultima promozione in OBOS-ligaen avvenuta proprio l’anno scorso. Quest’anno, da neopromosso, l’HamKam in cadetteria sembrava destinato a una stagione piuttosto anonima a metà classifica: proprio questa vittoria in Coppa per 1-0 contro la squadra rivelazione del 2017 potrebbe invece dare una svolta al 2018 dei verdi di Hamar.

 
Un’immagine di HamKam-Sarpsborg 08 (foto Fredrik Olastuen da www.hamkam.no)

martedì 15 maggio 2018

Eliteserien 2018, 8° e 9° giornata: la rivelazione Ranheim continua a stupire e ferma anche il Rosenborg, consentendo al Brann di scappare a +7


Uscire dal Lerkendal con un punto in tasca è fonte di soddisfazione per ogni squadra norvegese, ma pensate a quanto forte questa soddisfazione possa essere se a pareggiare nel fortino del Rosenborg è una neopromossa come il Ranheim, che oltretutto rappresenta un quartiere di Trondheim e quindi sente la sfida come i bianconeri né più né meno che come lo scontro dell’anno. C’è poco da fare, almeno per ora: questa lunga settimana di calcio norvegese, che oltre all’ottava e nona giornata di Eliteserien ha visto disputare anche il terzo turno di Coppa, di cui rendicontiamo qua, ha reso ancora più evidente quello che già nelle prime giornate sospettavamo – ossia che è proprio il Ranheim la squadra rivelazione del 2018.

Mads Reginiussen vola per colpire di testa il gol che sancisce il pareggio del suo Ranheim nel derby contro il Rosenborg del fratello Tore (foto Christoffer Jellum da www.ranheimfotball.no)

sabato 5 maggio 2018

Coppa di Norvegia 2018, 2° turno: il Molde viene eliminato dal Brattvåg! Umiliazione per il Sandefjord


Il Molde, terzo in classifica in Eliteserien nonché squadra pensata per raggiungere gli obiettivi più alti, ha vinto la Coppa di Norvegia quattro volte, di cui due in tempi recentissimi (2013 e 2014). Eppure quest’anno la Coppa guarderà gli altri contendersela: il Molde è stato infatti eliminato prestissimo, al secondo turno, dal Brattvåg, una squadra di Second Division (cioè la “serie C” norvegese) che ha la meglio per 1-0 ai supplementari. E se Brattvåg vi dice qualcosa, è perché è un club che già nel 2016 ha fatto un exploit simile, arrivando, sempre dalla Second, al quarto turno di Coppa dopo aver eliminato al terzo l’Aalesund, che all’epoca militava in Premier.

Un’immagine da Brattvåg-Molde (foto Per Ivar Rørvik da www.brattvag-il.no)