martedì 19 dicembre 2017

A quattr’occhi con Milan Jevtovic, campione di Norvegia con il Rosenborg: “La qualificazione contro l'Ajax il momento più bello della mia carriera. E che uomini Eto'o e Bendtner!”



Il campionato norvegese, così come la coppa e il percorso europeo del Rosenborg in Europa League, è giunto al termine tra luci ed ombre, soprattutto dal punto di vista continentale. Per trarre le giuste conclusioni sull’anno appena passato, Calcio Norvegese Blog ha deciso di scambiare qualche messaggio con uno dei protagonisti della stagione, Milan Jevtovic, ala destra del Rosenborg, classe 1993 e campione in carica, che ha gentilmente deciso di rispondere alle nostre domande spiegandoci cosa si cela dietro la struttura di una delle squadre e delle società più storiche e influenti del panorama scandinavo da ormai trent’anni e cosa prova un atleta nel difendere codesti colori. A tutto ciò si unisce l’onore di aver sconfitto la finalista di Europa League dello scorso anno, l’Ajax, durante l’ultimo turno preliminare di Europa League (0-1 l’andata, 3-2 il ritorno nell’agosto 2017), l’aver vinto per la prima volta l’Eliteserien e l’aver giocato, nell’arco dell’anno solare, passato a fare la spola tra Antalyaspor e Rosenborg, con campioni del calibro di Samuel Eto’o e Nicklas Bendnter.
 

Jevtovic durante la premiazione del Rosenborg il 19 Novembre 2017 (foto da www.froya.no).

venerdì 8 dicembre 2017

Europa League 2017, ultima giornata fase a gironi: il Rosenborg già eliminato chiude con il pari di Skopje



Non l’atmosfera delle grandi occasioni per concludere un cammino europeo dolceamaro: il Rosenborg fresco vincitore dell’Eliteserien 2017 chiude la stagione con l’inutile trasferta di Europa League nella freddina Skopje (serata con un paio di gradi sopra lo zero) contro il Vardar: entrambi i club sono già eliminati prima di scendere in campo. Si gioca per il ranking – che poi così ininfluente non è se si vogliono avere sorteggi fausti in futuro – e per la gloria, con la testa già concentrata sulle vacanze di Natale.

Senza alcuna posta in palio, l’atmosfera a Skopje è piuttosto rilassata: quando un bel cane fa una sorprendente invasione di campo a metà partita, c’è tempo pure perché Filip Gacevski, portiere del Vardar che evidentemente con gli animali ci sa fare, gli faccia un po’ di affettuose coccole (foto da www.foxsports.it)

lunedì 4 dicembre 2017

Il Lillestrøm vince la Coppa di Norvegia 2017!



Settanta secondi di gioco e Kristoffer Zachariassen, difensore del Sarpsborg 08, sparacchia come viene viene un pallone capitato in area direttamente sul corpo dell’attaccante del Lillestrøm Erling Knudtzon: la palla carambola a Simen Kind Mikalsen, in evidente e chilometrica posizione di fuorigioco, il quale spedisce comunque la palla in rete. È a questo punto che ai giocatori del Sarpsborg capita una pessima sorpresa: contrariamente a quanto tutti si aspettavano, il guardalinee non alza la bandierina (chissà a cosa pensava in quel momento?) e il gol viene convalidato. A nulla valgono le iraconde – e più che legittime – proteste: il Lillestrøm passa in vantaggio.

La premiazione del Lillestrøm (foto Cornelius/NTB Scanpix da www.aftenposten.no)

domenica 3 dicembre 2017

Coppa di Norvegia 2017, tutto pronto per la finale Sarpsborg 08-Lillestrøm: seguila in diretta tv (ore 13:15)



Da una parte il Sarpsborg 08, reduce da una stagione incredibile culminata con la qualificazione in Europa League ma mai arrivata nella sua storia in finale di Coppa, dall’altra il Lillestrøm, che ha vinto la coppa già cinque volte (l’ultima nel 2007) ma che ha concluso una stagione mediocre senza infamia e senza lode.

Geir Bakke, allenatore del Sarpsborg 08, intervistato prima del calcio di inizio (screenshot dal sito www.nrk.no)

Il Ranheim batte ai rigori il Sogndal e ne prende il posto nella prossima Eliteserien



Vana si è rivelata l’incredibile e rocambolesca goleada ai danni del Vålerenga in virtù della quale domenica scorsa il Sogndal ha sovvertito a proprio favore la differenza reti rispetto all’Aalesund, spedendo gli arancioni in OBOS-ligaen e conquistandosi il diritto a disputare lo spareggio contro il Ranheim per mantenere il diritto a giocare in Eliteserien anche la prossima stagione. Lo spareggio, infatti, si è rivelato fatale per il Sogndal.

La festa dei giocatori del Ranheim (foto dalla pagina Facebook dell’Eliteserien)

mercoledì 29 novembre 2017

Eliteserien 2017, ultima giornata: è thriller nel finale, l’Aalesund retrocede per differenza reti



Con -13 in differenza e quasi gli stessi gol segnati (rispettivamente 34 e 33), Aalesund e Sogndal si sono giocate in una spietata sfida a distanza la salvezza temporanea – cioè l’accesso allo spareggio – in un’ultima giornata di questa Eliteserien 2017 che ha avuto davvero dell’incredibile.

I giocatori del Sogndal festeggiano per aver evitato la retrocessione diretta ma non possono ancora gioire del tutto: per essere sicuri della salvezza, dovranno vincere lo spareggio con il Ranheim (foto Christian Blom/NTB Scanpix da www.aftenposten.no)

venerdì 24 novembre 2017

Europa League 2017/18, 5° giornata fase a gironi: il Rosenborg prova a resistere alla Sociedad ma Oyarzabal ne sancisce l’eliminazione


Nessuna squadra norvegese parteciperà ad una delle due fasi ad eliminazione diretta delle due maggiori competizioni europee per club: se in Champions League il verdetto era già stato emanato a luglio, in Europa League è stato ieri sera che il basco Mikel Oyarzabal, fresco talentino della Real Sociedad già nell’orbita della nazionale spagnola, a sancire la definitiva eliminazione norvegese dal’Europa che conta allo scoccare del 90° minuto. Tanto è durata la resistenza del Rosenborg che, a dirla tutta, non ha demeritato nonostante le evidenti differenze di palleggio con gli spagnoli.

Immagine da www.rbk.no

mercoledì 22 novembre 2017

Eliteserien 2017, 29° giornata: il Brann è fuori dalla corsa per l’Europa League, si salvano Tromsø, Lillestrøm e Kristiansund. In OBOS-ligaen retrocede il Fredrikstad.



Si svolge nel gelo dell’autunno norvegese il penultimo atto dell’Eliteserien 2017, campionato che già due settimane fa, prima della sosta per le nazionali, aveva espresso in via definitiva l’esito che tutti ormai da tempo si aspettavano, ossia la riconferma del titolo da parte del Rosenborg. I ragazzi di Trondheim hanno festeggiato davanti al proprio pubblico lo scudetto al termine della gara ormai inutile contro il già retrocesso Viking, malinconico sparring partner che ha opposto poca resistenza ed è capitolato per 2-0 (in rete anche Nicklas Bendtner che, col diciannovesimo centro in stagione, rafforza la propria leadership sulla classifica marcatori). Anche se i riflettori su Trondheim torneranno ad accendersi presto, dal momento che con la squadra ancora in corsa in Europa League la stagione del Rosenborg è tutt’altro che finita, non è quindi il Lerkendal il campo più interessante da seguire in questa giornata.

Il Rosenborg festeggia la conquista del titolo (foto da www.rbk.no)

mercoledì 8 novembre 2017

A quattr’occhi con Pål Alexander Kirkevold, attaccante dell’Hobro: “Voglio continuare a segnare per tutti voi!”

Ebbene sì, ce l’abbiamo fatta fatta! Dopo aver ricevuto numerose segnalazioni sull’imminente record dell’attaccante norvegese Pål Alexander Kirkevold, ovvero marcare per ben undici partite consecutive in un campionato europeo (nella fattispecie quello danese) come accadde a Jamie Vardy nel 2015/16 in Premier League, abbiamo raggiunto telefonicamente l’attaccante dell’Hobro che, scoprendo un inaspettato interesse dall’Italia, si è da subito reso disponibilissimo a parlare con il nostro blog.

Foto da nordjyske.dk

martedì 7 novembre 2017

Eliteserien 2017, 28° giornata: il Rosenborg è campione prima ancora di scendere in campo



L’epilogo era previsto ed è arrivato: il Rosenborg è campione di Norvegia. Lo sapevamo già da mesi, ormai, mancava solo il timbro dell’ufficialità matematica. Molto meno atteso, però, è stato il modo con cui l’Eliteserien è arrivata a emettere questa sentenza.

Il Rosenborg vince lo scudetto ma perde a Ålesund: a fine partita i festeggiamenti sono tutti degli arancioni! (Foto NTB Scanpix da www.aftenposten.no)

venerdì 3 novembre 2017

Europa League 2017/18, 4° giornata fase a gironi: il Rosenborg sfiora l'impresa ma lo Zenit si sveglia al 93°



Pochi secondi di partita in meno e sarebbe stata la serata perfetta per Kåre Ingebrigtsen e per i suoi uomini. Il Rosenborg in una “mite” serata d’inizio Novembre (“mite” relativamente alla latitudine: quattro gradi di sera in questa stagione sembrano pochi ma in Norvegia può andare peggio) fa correre infatti un incubo al quotato Zenit San Pietroburgo. Gli uomini di Roberto Mancini solo con tutta la loro audacia, la loro tecnica e il loro fisico arrivano a pareggiare la contesa nell’ultima azione utile, al minuto 93, dopo che il gol di Nicklas Bendtner su calcio di rigore che al 55° aveva fatto sognare i tifosi bianconeri.




Nicklas Bendtner esulta dopo il gol (foto All Over da ekstrabladet.dk)

martedì 31 ottobre 2017

Eliteserien 2017, 27° giornata: il Rosenborg rinvia la festa scudetto, il Viking retrocede



Se non fosse che il distacco in classifica è troppo ampio per poter realisticamente pensare a un finale diverso da quello che prevede il Rosenborg vincitore dell’Eliteserien 2017, quanto successo domenica sembrerebbe frutto più della fantasia di uno scrittore che di una sequenza di eventi realmente accaduti.

Battaglia nella neve all’Alfheim: Tromsø-Viking finisce 3-0 e condanna gli ospiti alla retrocessione dopo ventotto anni consecutivi di “serie A” (foto Rune Stoltz Bertinussen/NTB Scanpix da www.aftenposten.no)

giovedì 26 ottobre 2017

A quattr’occhi con Christophe Psyché, difensore del Sogndal: “Non pensate che per i giovani qui sia più semplice!”

Calcio Norvegese sbarca virtualmente a Sogndal, dove un Christophe Psyché in netta ripresa dall’infortunio al tendine d’Achille dello scorso 30 aprile, costato al difensore marsigliese (è un’informazione che a lui stesso preme sottolineare perché su Wikipedia la sua città natale è indicata erroneamente come Cannes) uno stop di ben sei mesi. È tra l’altro notizia di qualche giorno fa, confermataci dal giocatore in fase di intervista mentre ancora nulla era ufficiale, il suo rinnovo fino al 2018: un motivo in più quindi per conoscere la sua storia calcistica che lo ha visto crescere qui in Norvegia fino al raggiungimento dell’Eliteserien, un percorso che lo stesso Psyché definisce non così facile come si potrebbe pensare.

Foto da www.sogndalfotball.no

mercoledì 25 ottobre 2017

Eliteserien 2017, 26° giornata: il Rosenborg espugna Bergen (tra mille polemiche) ed è sempre più vicino al titolo; in coda è bagarre totale



Notte di fuoco al Brann Stadion di Bergen, non sarà un caso che “brann” in norvegese proprio “fuoco” significa: in un match campale più per i padroni di casa – bisognosi di punti per arrivare in Europa – che per gli ospiti – praticamente certi dello scudetto anche in caso di sconfitto – il Brann gioca grossomodo la partita della vita, o almeno un primo tempo intenso come non mai. Raramente quest’anno si è visto un Rosenborg messo tanto alle corde quanto nei primi quarantacinque minuti del Brann Stadion.

Il Brann è sotto inchiesta e rischia una multa per l’uso improprio del maxischermo dello stadio di Bergen, ritratto in questa immagine (foto Tor Høvik da www.aftenposten.no): il replay dello 0-2 di Bendtner, segnato in evidente fuorigioco, sarebbe stato mostrato più volte di quanto consentito dal regolamento per infiammare il già caloroso pubblico di casa.

venerdì 20 ottobre 2017

Europa League 2017/18, 3° giornata fase a gironi: il Rosenborg cade dignitosamente a San Pietroburgo con lo Zenit


Il match della terza giornata della fase a gironi di Europa League ha previsto ieri una trasferta di spicco per il Rosenborg di Kåre Ingebrigtsen, il confronto contro una delle squadre più accreditate del torneo, lo Zenit di Roberto Mancini

I giocatori del Rosenborg a giro per San Pietroburgo prima della partita con lo Zenit (foto dalla pagina Facebook del Rosenborg)